Pons Medical Research

maternità surrogata in Spagna

Maternità surrogata in Spagna

La Spagna è uno dei paesi più incredibili del mondo con persone adorabili e pasticcerie meravigliose, architettura meravigliosa, natura impressionante e standard di vita di alta qualità. Sfortunatamente, quando si parla di maternità surrogata, il quadro non è così buono. Nella nostra esperienza, le ambasciate spagnole in tutto il mondo sono le più "schizzinose" in relazione ai casi in cui si verificano relazioni di maternità surrogata. E ha le sue ragioni.

Base legale per la maternità surrogata in Spagna

La maternità surrogata non è consentita in Spagna. Nonostante il fatto che questo tipo di attività in Spagna non sia regolamentata e non sia possibile ottenere una licenza legale nemmeno per le agenzie che forniscono questo tipo di servizi nel Paese, la maternità surrogata è già diventata una parte della realtà di molte famiglie spagnole. Tuttavia, il desiderio di diventare genitori porta queste coppie in Ucraina o in Georgia, dove la maternità surrogata è consentita e non costa così tanto come negli Stati Uniti. D'altra parte, quando il bambino nasce, i genitori ottengono il certificato di nascita del bambino nel Paese in cui si è svolto il programma di maternità surrogata e/o il parto. Di solito, sono già scritto nel certificato di nascita come genitori legali, ma non aiuta molto nei casi di maternità surrogata con coppie spagnole, poiché il paese del programma di maternità surrogata (Georgia o Ucraina) non dà automaticamente la nazionalità a tale bambino, lasciandolo in una sorta di "limbo legale" fino a quando i genitori si recano presso l'Ambasciata del proprio Paese di origine per ottenere la cittadinanza e quindi il passaporto per il rientro a casa del neonato.

Cittadinanza tramite opzione

Secondo la legislazione spagnola sulla nazionalità e cittadinanza, un bambino nato al di fuori della Spagna, che ha almeno un genitore (madre o padre) con nazionalità spagnola (che ha passaporto spagnolo), può richiedere la cittadinanza spagnola tramite l'Ambasciata.

Richiedendo al governo spagnolo la cittadinanza spagnola per un bambino, i genitori si sono automaticamente inseriti nel campo dei rapporti giuridici che rientravano nell'ambito di applicazione del diritto sostanziale spagnolo. Significa che dal momento in cui entri nell'ambasciata spagnola sei sotto la regolamentazione del diritto civile, familiare e di riproduzione spagnolo. Da questa parte compaiono difficoltà legali.

La filiazione dei bambini surrogati

Ai sensi del par.4 art.9 capo IV del Titolo Preliminare del Codice Civile di Spagna, se non è possibile stabilire la filiazione del figlio o se il figlio è privo di residenza abituale e cittadinanza (caso appunto di maternità surrogata, quando il neonato non ha ancora alcuna cittadinanza, residenza o nazionalità), verrà applicato il diritto sostanziale spagnolo. L'articolo 10 della legge 14/2006, del 26 maggio, sulle tecniche di riproduzione umana assistita specifica che il contratto per il quale è concordata la gravidanza (contratto di maternità surrogata), con o senza compenso, da parte della donna che rinunci alla filiazione materna a favore del contraente o di un terzo, sono nulle. La filiazione dei figli nati per gestazione per sostituzione sarà determinata dalla nascita. È salva l'eventuale azione di rivendicazione della paternità nei confronti del padre biologico, secondo le regole generali.

Posizione del governo spagnolo

La posizione del governo spagnolo nei casi di maternità surrogata è molto chiara, come è scritto nelle raccomandazioni ufficiali del Ministero della Giustizia della Spagna, “In nessun caso sarà accettato come titolo idoneo per la trascrizione della nascita e la filiazione della nascita, un certificato di immatricolazione estero oppure la semplice dichiarazione, accompagnata da un certificato medico relativo alla nascita del bambino che non riporti l'identità della gestante”. In alcuni casi è possibile ricorrere alla decisione del tribunale, mentre in altri casi il governo spagnolo vuole essere sicuro che non vi siano state violazioni dei diritti della madre surrogata da parte del sistema legale del paese in cui è stata eseguita la maternità surrogata.

Poiché la Spagna riconosce la madre come una donna che porta in grembo e partorisce il bambino, l'Ambasciata richiede un certificato medico di nascita alla Casa di Maternità, dove è stato effettuato il parto, per ottenere le prove che la madre legale (secondo il certificato di nascita legale), ha partorito il bambino in realtà. In Ucraina e in Georgia, nel certificato medico di nascita è sempre scritta la madre surrogata, poiché le istituzioni mediche di questi Paesi non sono responsabili della parte legale del processo. La registrazione di un bambino viene effettuata in questi Paesi presso gli organi giudiziari (ufficio di stato civile del Ministero della Giustizia), non presso la Casa Maternità. Al contrario, in Bielorussia, la Madre genetica (legale, intenzionale) compare in entrambi i documenti, certificato di nascita medico e legale. Un'altra cosa è che la Spagna non riconosce nessuno di questi documenti in ogni caso, poiché sono stati rilasciati secondo regole diverse dalle loro.

I problemi sono la fine

Quindi, alla fine del processo di maternità surrogata, i genitori si trovano di fronte al problema che il loro bambino non ha la cittadinanza e il passaporto di nessun Paese. Di conseguenza, non possono tornare a casa finché questo problema non sarà risolto. D'altra parte, l'Ambasciata di Spagna richiede: 1) il riconoscimento dei diritti di genitore da parte del padre genetico (legale) e 2) i documenti di abbandono da parte del padre genetico (legale). madre surrogata, sebbene sia già stato fatto nel paese di “maternità surrogata” prima della firma del contratto di maternità surrogata presso il Notaio o dopo la nascita del bambino, 3) ignorando completamente allo stesso tempo la madre genetica del bambino, indipendentemente dal fatto che fosse programmato con ovodonazione o no, dato che non ha partorito il bambino. Tutto ciò rende l'impressione del genitore del processo di maternità surrogata avvelenata e la durata del loro soggiorno all'estero molto più lunga.

L'ambasciata spagnola accetta solo questo tipo di certificati di nascita legali in cui la madre surrogata è scritta come madre legale, il padre genetico è scritto come padre legale e la madre genetica è scritta... da nessuna parte. Dopo che la famiglia sarà tornata a casa, in Spagna, la madre genetica dovrà adottare il proprio bambino. Per qualche strana ragione, il governo spagnolo preferisce ottenere un certificato di nascita legale senza madre, piuttosto che ottenerne uno in cui compare la madre genetica.

Questa affermazione deriva dalla "tutela dei diritti del fanciullo", stipulata nell'articolo 7 della Convenzione sui diritti del fanciullo del 20 novembre 1989, dove è scritto che il bambino deve essere registrato immediatamente dopo la nascita e ha diritto fin dalla nascita a un nome, il diritto di acquisire una nazionalità e, per quanto possibile, il diritto di conoscere ed essere curato dai propri genitori. Il problema è che questo bambino conoscerà sicuramente i suoi veri genitori (genetici), poiché sono già una famiglia, e questo bambino non si perde, inoltre è già registrato in un altro paese.

Meravigliosa Spagna

In tutto questo processo, la Spagna come paese si è messa nella posizione di non riconoscere i documenti legali di un altro paese, il che è abbastanza strano per un membro della Convenzione che abolisce i requisiti di legalizzazione per gli atti pubblici stranieri, Concluso il 5 ottobre 1961 a Aia. Da un lato, paesi di maternità surrogata come l'Ucraina o la Georgia non hanno alcun accordo reciproco con la Spagna sul riconoscimento reciproco dei certificati di nascita e di altri documenti civili. D'altra parte, tutti questi paesi sono membri della Convenzione dell'Aia del 1961, che stabilisce un regime semplificato di riconoscimento della documentazione in generale, inclusi certificati di nascita, certificati di matrimonio o decisioni giudiziarie, devono solo essere apostilizzati. Quindi, la domanda è: perché la Spagna riconosce la documentazione in altri campi della vita (patente di guida, documenti di matrimonio o istruzione), ma non la riconosce quando si tratta di maternità surrogata?

In base ai principi generali del diritto internazionale, possono esistere solo quattro regimi di riconoscimento dei documenti emessi da altri paesi:

  1. Nazionale (quando il paese lo riconosce senza domande e formalità, come se avessero rilasciato questi documenti da soli);
  2. Legalizzazioni (legalizzazioni consolari e diplomatiche);
  3. Apostilizzazione (più semplice della legalizzazione, basta un timbro di forma specifica, funziona per tutti i membri della convenzione dell'Aia 1961) - La Spagna, la Georgia e l'Ucraina sono Membri di questa Convenzione;
  4. Regime speciale – anche un regime più liberale secondo accordi reciproci tra i paesi.

Di conseguenza, qualsiasi altra pretesa o richiesta di qualsiasi paese del mondo relativa al mancato riconoscimento dei documenti, soprattutto quando si tratta di quelli che provano i rapporti all'interno della famiglia, tra figli e genitori, non sono solo illegali o strani, ma, in primo luogo, interferire negli affari interni di un altro paese e, in secondo luogo, minare il prestigio del governo che ha emesso tali documenti.

Fortunatamente, paesi come Ucraina e la Georgia, che consentono la maternità surrogata, sono sempre dalla parte dei genitori e dei loro figli, ecco perché è sempre possibile ottenere la cittadinanza ucraina o georgiana e il passaporto per i bambini nati tramite maternità surrogata sul territorio di questi paesi, se l'ambasciata li nega .

Il Gruppo Medico Pons è pronto ad aiutarla nel suo percorso di maternità surrogata.

Contattaci oggi per ottenere consulenza gratuita sul tuo caso!

maternità surrogata in Spagna

Condividi questo post

it_ITItaliano
× Come posso aiutarla?