Nutrizione e dieta delle madri surrogate

Come parte dell'iniziale visita alla nostra clinica, a tutte le donne viene consigliato di seguire una dieta equilibrata e varia che includa carni naturali, latticini, frutta, verdura e cereali. È molto importante che le donne ei loro medici capiscano che il fabbisogno calorico di base non aumenta fino al secondo e terzo trimestre di gravidanza, e solo di 340-450 calorie al giorno. Indipendentemente dal fatto che sia incinta o meno, il fabbisogno calorico di base di una persona dipende dalle dimensioni del corpo e dalle attività di esercizio. In generale, le persone sedentarie e meno attive manterranno un peso stabile se consumano 28 kcal per kg di peso corporeo ogni giorno. L'esercizio (a seconda dell'intensità) aumenta il fabbisogno di mantenimento a 35-40 kcal per kg di peso corporeo al giorno.

Ciò significa che una donna di 60 kg moderatamente attiva avrà bisogno di circa 2.000 calorie al giorno per mantenere il suo peso e la sua attività se non è incinta. Durante la gravidanza, avrà bisogno solo di un leggero aumento del fabbisogno calorico a 2.100 kcal al giorno fino al suo secondo trimestre di gravidanza, quando avrà bisogno di un apporto calorico compreso tra 2400 e 2600 kcal al giorno. La maggior parte delle linee guida raccomanda che le donne con un BMI normale guadagnino tra 12 e 16 kg di peso lordo durante la gravidanza. Un aumento di peso maggiore o minore è stato associato a maggiori rischi per madri e bambini. Comprendere queste linee guida di base per la gestione del peso, il fabbisogno calorico giornaliero delle donne in gravidanza e non, è la pietra angolare per aiutare tutti i pazienti a mantenere un peso sano durante tutto il corso e le mutevoli circostanze della loro vita.

Supplementi nutrizionali

Oltre alla consulenza di routine su alcol, fumo di sigaretta, uso di droghe e sui rischi per la salute che comporta per le donne incinte, dovrebbero essere consigliate anche sull'uso di integratori alimentari durante la gravidanza.

Molte pazienti stanno già assumendo integratori alimentari e alcuni potrebbero persino essere dannosi durante la gravidanza se non assunti con la giusta guida e consulenza medica. Ad esempio, l'assunzione di vitamina A dovrebbe essere limitata a meno di 5.000 unità al giorno, poiché livelli più elevati sono stati implicati in difetti fetali. Questo è in contrasto con altri integratori che sono raccomandati sia prima che durante la gravidanza come acido folico integrazione (0,4-0,8 mg) che dovrebbe essere iniziata almeno 1 mese prima del concepimento e assunta almeno fino alla 12a settimana di gestazione per prevenire difetti del tubo neurale. Potrebbero essere necessari altri supplementi a seconda delle abitudini alimentari abituali del paziente e delle sue tabelle dietetiche.

I pazienti che sono stati sottoposti a screening e sono risultati anemici possono richiedere un'integrazione di ferro più forte. I pazienti la cui dieta è carente di calcio possono richiedere un'integrazione per soddisfare il fabbisogno di calcio durante la gravidanza di 1000 mg-1300 mg al giorno. Vitamina D l'integrazione dovrebbe essere limitata a non più di 200 UI al giorno poiché livelli più elevati possono essere dannosi per il feto.

Come salvare la tua giovinezza e allungarla? Leggi nel nostro blog!

Consulenza alle madri surrogate

Come parte del processo di consulenza iniziale, raccogliamo la storia della dieta lorda della madre surrogata. Questo ci aiuta a personalizzare le nostre raccomandazioni nutrizionali per quanto riguarda la sua dieta. Ci sono molte pratiche dietetiche comuni che potrebbero richiedere educazione e/o modifiche. Ad esempio, le donne che consumano cibi e bevande dolcificati artificialmente dovrebbero essere informate sugli effetti sconosciuti di questi dolcificanti, in particolare la saccarina che è nota per attraversare la placenta e può rimanere nel tessuto fetale. Si consiglia di consumare la caffeina con rigorosa moderazione, ma dovrebbe essere limitata a 150-300 mg/giorno (circa 1½ tazza di caffè).

Madri surrogate Si consiglia di evitare rigorosamente il latte e i prodotti a base di latte non pastorizzato poiché le donne incinte hanno una maggiore suscettibilità a Listeria e Toxoplasmosi, batteri che a volte si trovano nei prodotti a base di latte non pastorizzato. Anche i formaggi a pasta molle, i salumi e le creme spalmabili a base di carne possono portare Listeria e sono consigliati in merito a questo rischio. Si consiglia inoltre di evitare di mangiare uova crude: qualsiasi donna incinta dovrebbe essere informata in modo specifico sul rischio di Salmonella che porta alla sepsi intrauterina. Infine, si consiglia di pulire e lavare tutta la frutta e la verdura prima di mangiarli e di prestare attenzione agli alimenti tagliati su un tagliere che potrebbero non essere stati adeguatamente lavati tra un uso e l'altro, la pulizia del cibo è molto vitale ed essenziale.

Per quanto riguarda i preparati a base di erbe, si consiglia alle madri surrogate di non usarli senza il consenso medico poiché molti non sono mai stati testati per la sicurezza. I tè contenenti zenzero, scorza di agrumi, melissa e rosa canina sono sicuri. Tuttavia, dovrebbero evitare tè contenenti camomilla, liquirizia, menta piperita o foglie di lampone poiché vi sono alcune controversie sulla loro sicurezza in gravidanza, in particolare nel primo trimestre.

Per evitare la Listeria, si consiglia di riscaldare a fondo tutti i cibi avanzati e le carni lavorate come gli hot dog dovrebbero essere riscaldate a vapore. Le carni crude o poco cotte dovrebbero essere evitate per prevenire la toxoplasmosi. Utensili e taglieri utilizzati per tagliare questi alimenti devono essere lavati con acqua e sapone prima di un ulteriore utilizzo.

Allo stesso modo dovrebbero anche evitare frutti di mare crudi di qualsiasi tipo a causa della possibile contaminazione con parassiti e virus simili a Norwalk e limitare l'assunzione di frutti di mare a 2 giorni alla settimana. A causa degli alti livelli di mercurio, i frutti di mare come lo squalo, il pesce spada, lo sgombro reale, il pesce tegola, le bistecche di tonno e altri pesci longevi in cima alla catena alimentare dovrebbero essere evitati completamente.

 

Il nostro approccio

Come parte dei nostri sforzi per aumentare il successo della gravidanza e portare alla luce un bambino con la migliore salute possibile, elaboriamo un piano alimentare personalizzato per ogni madre surrogata. Il piano dietetico è ben pensato per minimizzare ogni possibile effetto collaterale di uno stato nutrizionale carente della madre surrogata.

Fornire alla madre surrogata integratori alimentari artificiali, anche se è meglio di niente, non è sufficiente e lontano dall'ideale per evitare le complicazioni di un'alimentazione carente e/o per garantire una buona salute più tardi nella vita del futuro bambino. Oltre a integrare con vitamine, minerali, calcio e ferro, forniamo prodotti freschi, super alimenti come la quinoa e carne di alta qualità alle nostre madri surrogate. La consegna viene effettuata settimanalmente e mensilmente a seconda del tipo di alimento.

In tal modo possiamo essere sicuri che l'alimentazione della madre surrogata e quindi anche l'alimentazione del futuro bambino sia ottima. Per i genitori è una tranquillità sapere che i loro bambini cresceranno forti e sani e per la madre surrogata una garanzia che non soffrirà di carenze nutrizionali una volta terminato il periodo di gravidanza. E per noi è solo una questione di buon senso che tuttavia viene totalmente ignorata da altre cliniche di maternità surrogata.

Per saperne di più Importanza della nutrizione durante la gravidanza nel nostro blog.

Madri surrogate nutrizionali
it_ITItaliano

Prendi un appuntamento