Pons Medical Research

Surrogazione e religione

Surrogazione e religione

La maternità surrogata è sempre un tema caldo dei forum su Internet, in quanto provoca molte questioni controverse dal punto di vista etico. Di norma, tra gli argomenti contro la maternità surrogata compaiono quelli teologici, che hanno un'influenza abbastanza forte sulle persone di fede, che soffrono di infertilità e hanno paura di fare il passo avanti che possa aiutarle ad avere il bambino per cui stanno pregando. Vediamo come le tecnologie di riproduzione assistita e la maternità surrogata appaiono particolarmente nei religiosi mondiali e come diventano flessibili questi religiosi con il passare del tempo e lo sviluppo tecnologico della società. 

Surrogazione e cristianesimo

Il libro principale di tutti i cristiani: la Bibbia non menziona direttamente la maternità surrogata, poiché questa tecnica che usiamo oggi (fecondazione in vitro) ovviamente non era noto al tempo in cui fu scritta la Bibbia. Quindi, l'unica cosa che possiamo fare è trovare regole comuni rilevanti in questo caso e cercare di adattarle ai problemi morali moderni e interpretarli secondo il nocciolo delle Sacre Scritture.

Da un lato, la Bibbia definisce il matrimonio come un'unione tra due persone ei figli possono essere il risultato di tale unione (Genesi 1:28, 2:24). Nel Salmo 127:3 vediamo che i bambini sono un dono per le coppie e non tutti ne sono benedetti.

Cosa dice la Bibbia?

D'altra parte, possiamo trovare poche storie su qualcosa che oggi chiamiamo "maternità surrogata tradizionale" e che non viene utilizzata nelle cliniche di fecondazione in vitro (la maternità surrogata tradizionale è quando la madre surrogata è geneticamente imparentata con il bambino; oggigiorno usiamo la “maternità surrogata gestazionale” quando la madre surrogata è solo portatrice di un bambino, ma non ha alcun legame genetico con esso).

Genesi 30:1-24 dice: “Quando Rachele vide che non aveva figli a Giacobbe, invidiò sua sorella. Disse a Giacobbe: "Dammi dei figli, o morirò!" L'ira di Giacobbe si accese contro Rachele e disse: «Sono io al posto di Dio, che ti ha rifiutato il frutto del grembo?». Poi disse: «Ecco la mia serva Bilhah; entra da lei, affinché partorisca per me, affinché anch'io possa avere figli per mezzo di lei”. Così lei gli diede in moglie la sua serva Bilhah e Giacobbe entrò da lei. E Bila concepì e partorì un figlio a Giacobbe”.

Genesi 16:1-16 dice: “Ora Sarai, moglie di Abramo, non gli aveva dato figli. Aveva una serva egiziana di nome Hagar. E Sarai disse ad Abramo: «Ecco, il Signore mi ha impedito di avere figli. Entra dal mio servo; forse da lei avrò dei figli». E Abram ascoltò la voce di Sarai. Così, al termine di dieci anni da quando Abram abitava nel paese di Canaan, Sarai, moglie di Abram, prese Agar l'egiziana, sua serva, e la diede in moglie ad Abram, suo marito. Ed entrò da Agar, e lei concepì<…>E Agar partorì ad Abramo un figlio, e Abram chiamò suo figlio, che Agar partorì, Ismaele. 16 Abram aveva ottantasei anni quando Agar partorì Ismaele ad Abram».

Fate tutto per la gloria di Dio

Quindi, in realtà, questo non è esattamente il caso che abbiamo oggi. Non richiediamo la maternità surrogata tradizionale, come madre surrogata è solo una portatrice di un embrione che è stato inserito nel suo utero in laboratorio, non a causa del contatto sessuale con il padre genetico, come descritto nella Bibbia e ancora accettabile, e questo embrione si sta sviluppando nel bambino all'interno del suo grembo. Sì, Dio non ti ha promesso di avere un figlio, ma significa che non puoi lottare per il tuo desiderio di essere genitore se le tecnologie lo consentono?

Suggeriamo che non c'è niente di sbagliato nella maternità surrogata in relazione alle regole delle Sacre Scritture che abbiamo trovato e deve essere una tua decisione di sottoporsi alla maternità surrogata come metodo di trattamento dell'infertilità o meno. Come se mangiate o bevete o qualunque cosa facciate, fate tutto per la gloria di Dio (Corinzi 10:31).

Posizione della Chiesa cattolica

Tuttavia, la Chiesa cattolica ha espresso la sua posizione ufficiale in un altro modo. Nel Documento denominato Donum Vitae si prescriveva che “la maternità surrogata rappresenta un oggettivo venir meno agli obblighi dell'amore materno, della fedeltà coniugale e della maternità responsabile; offende la dignità e il diritto del bambino ad essere concepito, portato nel grembo, messo al mondo ed educato dai suoi stessi genitori; stabilisce, a scapito delle famiglie, una divisione tra gli elementi fisici, psicologici e morali che costituiscono quelle famiglie”.

Purtroppo non vi è specificato come esattamente danneggi l'istituto sociale della maternità e la dignità del Bambino che viene portato in un altro grembo. A proposito, la contraccezione e la fecondazione in vitro non sono consentite dalla Chiesa cattolica. “Tale fecondazione (FIV) è di per sé illecita e contraria alla dignità della procreazione e dell'unione coniugale, anche quando si fa di tutto per evitare la morte dell'embrione umano. Sebbene non si possa approvare il modo in cui si realizza il concepimento umano con FIV ed ET, ogni bambino che viene al mondo deve comunque essere accolto come dono vivo della Bontà divina e deve essere educato con amore”.

La Chiesa cattolica è una delle chiese più forti del mondo e ha una grande influenza sulla mente delle persone. Forse per questo nei paesi dove prevale il cattolicesimo la maternità surrogata è vietata.  

Posizione della Chiesa ortodossa

La Chiesa ortodossa russa non è severo come quello cattolico. Ad esempio, la fecondazione in vitro (senza donazione) è qui consentita poiché questa procedura "non sembra essere diversa dal concepimento naturale e avviene all'interno dei rapporti familiari e coniugali". Per quanto riguarda la maternità surrogata, è severamente vietata dalla Chiesa ortodossa russa anche se effettuata su base altruistica. D'altra parte, se i genitori genetici sono pronti a confessare i loro peccati, la Chiesa ortodossa russa è pronta a battezzare un bambino nato in questo modo. “Il fatto di un”nascita surrogata“non è di per sé un ostacolo al battesimo di una persona, perché non è responsabile del comportamento dei suoi genitori”.

Tuttavia, al giorno d'oggi la Russia e l'Ucraina sono le maggiori destinazioni di maternità surrogata per tutte le coppie disperate.

La Chiesa greco-ortodossa suggerisce alle coppie sterili di avere un orientamento spirituale ben definito e di essere produttive in vari campi della vita sociale e spirituale, rendendo più forte la loro fede in Dio e più matura la loro anima. La Chiesa ha anche chiarito che è difficile per loro benedire la pratica dell'ART (concezione innaturale e asessuata, conservazione degli embrioni, DGP ecc.) e le gravidanze che turbano il normale ordine familiare in quanto contrario allo Spirito della Chiesa. Allo stesso tempo la Chiesa greca accetta l'inseminazione intrauterina omologa senza donazione di ovociti o fecondazione in vitro con l'importo totale degli embrioni creati se tutti saranno trasferiti nell'utero della madre genetica (ovviamente, solo per le coppie sposate eterosessuali con infertilità).

Maternità surrogata e Islam

Nel mondo musulmano la maternità surrogata è una cosa piuttosto controversa, in quanto dipende totalmente da quale prospettiva la si sta osservando. La legge e la religione sono strettamente correlate tra loro nei paesi musulmani. La legge della Sharia basata non solo sul libro principale dei musulmani - il Corano, ma anche su Hadit o Sunna e pensieri di studiosi islamici.

Ci sono due diverse scuole lì: sunnita e sciita. I sunniti sono i seguaci di Maometto e gli sciiti sono i seguaci dell'Imam Ali, cugino di Maometto e sovrano dell'Islam dopo la sua morte. Gli studiosi sunniti non ammettono la maternità surrogata, poiché la madre surrogata porterà in grembo il bambino formato dallo sperma di un altro uomo con cui non è sposata. Secondo l'Islam, il matrimonio legale è l'unico precetto per la procreazione della vita, quindi la riproduzione da parte di terzi è una sfida nell'Islam.

D'altra parte, gli studiosi sciiti ammettono la maternità surrogata come cura dell'infertilità, ma solo per le coppie sposate (ecco perché è pratica abituale in Iran o in Libano), perché considerano l'embrione stesso come un feto, cioè totalmente diverso dal sperma del padre genetico. Allo stesso tempo, il trasferimento dell'embrione è considerato come un trasferimento di un embrione da un utero all'altro, quindi non c'è peccato in esso.

Ci sono molte coppie sterili nel mondo musulmano. Inoltre, il diritto di famiglia islamico prevede l'infertilità della moglie come motivo principale per il divorzio, quindi le donne senza figli sono sempre sotto la pressione psicologica e sociale che il loro matrimonio sarà distrutto. Tuttavia, il matrimonio di solito non si rompe a causa dell'infertilità maschile.

La donazione è totalmente proibita nell'Islam, poiché l'importanza della famiglia, del lignaggio e dei rapporti di sangue è marcatamente evidente nel Corano: "È Lui (Allah) che ha creato l'umanità dall'acqua, quindi ha stabilito il rapporto di lignaggio e matrimonio per il tuo Signore ha potere su tutte le cose” (Quran Sura Al-Furqan 25:54).

Nella maternità surrogata gestazionale genetica senza donazione, la rottura del lignaggio è impossibile, poiché i genitori biologici sono già noti. Non c'è alcun adulterio nel procedura di trasferimento di embrioni che viene eseguita nella clinica IVF. L'unica domanda che si pone qui è chi sia la vera madre: la madre surrogata che partorisce il bambino o quella genetica?

Il Corano definisce la maternità come: “Le loro madri sono solo quelle che le hanno concepite e le hanno partorite (waladna hum) (Al Quran Surah al-Mujadalah 58:2).

Quindi, c'è una menzione sull'intera procedura dal momento della fecondazione, compreso il periodo di gravidanza e il parto. Pertanto, il Corano nega incondizionatamente qualsiasi diritto alla madre genetica nell'accordo di maternità surrogata. D'altra parte, ci sono molti esempi in cui l'azione era proibita dal Corano, ma era comunque consentita per necessità e benefici pubblici (uso di insulina di maiale o addirittura trapianto di organi riproduttivi).

Il profeta Maometto dice: "Per ogni malattia, c'è una cura tranne la senilità" (Hadit, Bukary e Muslaam). Quindi, nel caso in cui si parli di maternità surrogata come modalità di trattamento dell'infertilità e necessità assoluta per la procreazione, è del tutto possibile poiché entrambe le madri (surrogata e genetica) concordano con i loro ruoli in questo processo e il sistema legale aiuterà con la regolamentazione del loro stato giuridico.

Come è scritto nel Corano "Noi abbiamo inviato apostoli, prima di te, e stabilito per loro mogli e figli" (Quran Sura Al-R'ad 13:38).

Maternità surrogata e buddismo

Il buddismo si diffuse in tutta l'Asia e si divise in tre rami principali, ciascuno con credenze, pratiche e sfumature culturali distintive: buddismo Theravada nell'Asia meridionale e sudorientale (Sri Lanka, Myanmar, Tailandia, Laos, Cambogia e Vietnam), buddismo Mahayana nell'Asia orientale (Cina , Corea e Giappone) e il buddismo Vajrayana in Asia centrale (Tibet).

Il buddismo aderisce alla visione indiana di base, condivisa con l'induismo e il giainismo, secondo cui l'esistenza umana è una parte del ciclo in corso di molteplici vite (samsara) le cui circostanze sono governate dalle proprie azioni o azioni (karma). Non sorprende che i testi buddisti offrano poche indicazioni dirette su questioni moderne come l'inseminazione artificiale e la fecondazione in vitro.

Poiché il buddismo in genere apprezza le idee di rinuncia e considera il matrimonio o il divorzio come questioni culturali o civili piuttosto che religiose, non c'è qui alcuna ingiunzione biblica di essere fecondo e moltiplicarsi. Nel frattempo, il buddismo, a differenza del cristianesimo, dell'ebraismo o dell'islam, non fa della procreazione un dovere morale.

Dal punto di vista dei monaci buddisti, maternità surrogata non è proibito dagli insegnamenti buddisti. Se la maternità surrogata viene eseguita con spirito di generosità, allora la maternità surrogata sarebbe considerata una buona cosa. Molte delle donne thailandesi, in quanto seguaci del buddismo Theravada, hanno un forte senso del desiderio di essere utili alle loro compagne che soffrono per l'incapacità di avere figli. Ci sono anche coloro che possiedono una forte motivazione altruistica per aiutare le persone in uno stato di espiazione sospesa per i loro peccati ai fini del thamboon (accumulare virtù). La popolazione thailandese, di cui 94% crede nel thamboon e nella reincarnazione, ha un atteggiamento tollerante nei confronti della maternità surrogata commerciale.

Tuttavia, se la maternità surrogata viene effettuata con un intento malsano, utilizzare la procedura per aggirare la natura e concepire un bambino per vantaggio personale con l'intento di abusare dell'ordine naturale e di abbassare la dignità dell'umanità sarebbe considerato sbagliato.

Secondo le tradizioni buddiste, i bambini hanno il diritto di conoscere la loro origine fin dal raggiungimento della maturità. La stessa situazione è con l'induismo, dove la maternità surrogata è consentita, ma la donazione sconosciuta non lo è, perché il bambino non conoscerebbe il suo lignaggio.

Maternità surrogata ed ebraismo

Oggi esistono tre sette del giudaismo: gli ebrei ortodossi (circa 10%), gli ebrei conservatori (circa 5%) e gli ebrei riformati (85%).

La procreazione è il primo comandamento della Torah: “Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra”. La Torah ha le stesse storie di intervento di terzi (maternità surrogata) della Bibbia. In questa luce, i bambini di oggi che nascono senza violare la sacra intimità sessuale del matrimonio, così come l'inseminazione artificiale da parte di un donatore, non sono considerati un atto di adulterio dalle autorità halakhiche.

L'altra categoria di intervento di terze parti presentata nella Torah, dimostra la volontà di ridisegnare le linee familiari per superare l'infertilità. La continuità familiare e l'avere un figlio erano un valore così grande da scavalcare la norma sociale dei confini familiari. Quando un uomo moriva senza figli, al suo parente più prossimo veniva comandato di procreare con la vedova per perpetuare il nome e la memoria del defunto. Quando il marito di Tamar, Er, morì senza discendenza, il suocero di Tamar, Giuda, disse al suo secondo figlio, Onan: “Unisciti alla moglie di tuo fratello e compi verso di lei il tuo dovere di cognato e progenie per tuo fratello” (Genesi 32:8).

Quindi, in linea di principio Halakha rifiuta la concezione onnicomprensiva secondo cui tutto deve essere "realizzato nell'atto coniugale in cui gli sposi cooperano come servi e non come padroni nell'opera del Creatore, che è amore". E per tutte le sette di ebrei la fecondazione in vitro è consentita se è obbligatoria per motivi di procreazione. Anche possibile fare PGD poiché l'anima non entra nel corpo fino a 40 giorni (non c'è ancora il corpo e l'embrione è considerato "acqua nuda").

I rabbini accettano universalmente l'uso della tecnologia medica, in quanto “proprio come un albero non cresce se non viene fertilizzato, arato e diserbato – e anche se è già cresciuto, ma poi non viene annaffiato, muore. Quindi il corpo è come un albero: la medicina è il concime e il medico è l'agricoltore”.

Tuttavia ci sono ancora alcune controversie etiche riguardo al processo di maternità surrogata. Ad esempio, c'è una domanda come chi è la madre halakhica del bambino: è la madre biologica o gestazionale? Non è chiaro quando inizia la maternità: è nel momento del concepimento o nel momento della nascita? Ecco perché gli ebrei preferiscono che entrambe le madri, gestazionale e genetica, siano ebree in modo da evitare qualsiasi problema in futuro riguardo alla questione se il bambino sia ebreo o meno.

La stessa situazione è con la raccolta di sperma per qualsiasi forma di riproduzione assistita, perché la masturbazione è vietata. Ma di fatto anche la TESE è ammessa in caso di infertilità, come regola principale ancora “siate fecondi e moltiplicatevi”. In alcune fonti si dice addirittura che è possibile effettuare la selezione del sesso se la coppia ha almeno quattro figli dello stesso sesso.

Comunque, la maternità surrogata non è raccomandata a nessuno secondo il giudaismo. Altrimenti è meglio trovare un buon Rabbino per ogni coppia infertile per farsi consigliare in proposito.

In conclusione, vogliamo dire che le fonti primarie dei testi religiosi sono ovviamente molto importanti per comprendere i valori morali ed etici, protetti dall'umanità per secoli come verità sacra e immutabile. Nel frattempo, dobbiamo tenere conto del fatto che viviamo in un mondo in rapido sviluppo intriso di progresso tecnico, che ci dà la capacità di curare le malattie in un modo nuovo, come non abbiamo mai fatto prima. E se al giorno d'oggi possiamo curare l'infertilità usando le tecnologie di riproduzione assistita, non pretendiamo di essere Dio, stiamo cercando di capire questo mondo e almeno di aiutare Dio a portargli nuova vita. Poiché anche se l'embrione è fatto in condizioni di laboratorio, la vita alle sue prime cellule deve essere data da Dio.

Autore: Sukhanova Hanna, consulente legale di Pons Medical Group

Condividi questo post

it_ITItaliano

Prendi un appuntamento

× Come posso aiutarla?